10

Nei cinema dall’8 gennaio 2015

Ciao sono kekkoz e anche questa settimana mi scrivo i pregiudizi da solo perché mi scoccia sprecare un autore per una settimana così. Strappiamoci il cerotto e tutti a recuperare gli arretrati.

comeamma water ouija

COME AMMAZZARE IL CAPO 2 è il sequel di un film che si intitola uguale ma senza il 2 alla fine, una commedia dark merigana uscita nel 2011 con notevole successo, dovuto anche al formidabile selling point di avere Jennifer Aniston che fa la stronza. Un film che stranamente non ho visto ma verso il quale non provo alcun sentimento di sfida. Insomma, non ho visto Horrible bosses perché non mi è capitato e/o non c’avevo voglia e/o dovevo pisciare il cane. Niente in contrario. Dopotutto è piaciuto a un tot di gente. Questo sequel, invece, tipo a nessuno.

THE WATER DIVINER non è la storia di un water davvero di-vi-no, come direbbe il ragazzino delle medie che c’è in me, bensì (come ci informa la locandina) “il viaggio di un padre in cerca dei suoi figli”. Il faccione di Russell Crowe ci informa altresì che si tratta di un film con Russell Crowe, ma se uno poi legge sotto, scritto piccolo piccolo come nel contratto di Willy Wonka, scopre che Russell Crowe è anche il regista del film. WOW, ECCITANTE. Avete presente quando ci lamentiamo che i film da noi escono mesi dopo il resto del mondo? Beh, questo da noi esce tre mesi prima per qualche motivo, e quindi in giro ancora non se ne parla. Non lo so com’è! Boh! Se vogliamo ragionare di pancia, al momento non c’è un film che ho meno voglia di vedere.

OUIJA è un horror con la tavola ouija, che è quella tavoletta che usi per parlare con gli spiriti. Primo aneddoto: quando facevo le medie avevo questa videocassetta di un horror veramente brutto intitolato Spiritika dove, tra le altre cose, spiegavano l’etimologia della parola “ouija”, una sciocchezza che mi sono rivenduto per anni spacciandola per “cultura personale”. Secondo aneddoto: quando facevo le medie i miei parenti durante le vacanze si annoiavano e quindi organizzavano delle sedute spiritiche con una ouija fatta in casa e io, che ero il più piccolo della famiglia, probabilmente ero anche la vittima designata di questa angheria – e nonostante tutto sono arrivato alla mia età senza eccessive turbe psichiche. COUGH COUGH. Non ho parlato del film perché è quasi certamente impresentabile e quindi la chiuderei qui.

cavalieriI CAVALIERI DELLO ZODIACO – LA LEGGENDA DEL GRANDE TEMPIO è un film animato giapponese tratto da uno dei manga (e degli anime) più popolari degli Anni 80, ma se volete le informazioni sul film vi conviene andare su Wikipedia perché, lo ammetto, non sono ferratissimo, diciamo pure che l’unica cosa che so dei Cavalieri dello Zodiaco è che HANNO NOMI IMPORTANTI SONO GRANDI E FORTI EROI! Il film mi pare piuttosto repellente e in Giappone non mi sembra che abbia fatto nemmeno questi incassi da evento, ma si sa che qui in Italia l’effetto-nostalgia può avere effetti devastanti.

Ho finito.

kekkoz

10 Comments

  1. dunque OUIJA non è l’onomatopea di quando prendi uno scivolone su una pozzanghera! (scusa kekkoz ma non dovevi prlare di inner-ragazzinidellemedie)

  2. Sono anche tutti decisi a vincere, i cavalieri dello zodiaco. Rischio? Non rischio?

  3. Forse mi son perso qualcosa, ma, quest’anno niente classificone? :-(

  4. Da grande appassionato dei cavalieri dello zodiaco, ho letto sinossi e commenti orripila(n)ti: me ne terrò ben alla larga, e spero che non siano in molti i nostalgici che verranno gabbati! Sempre che non sia troppo tardi… Pecorissima!

  5. Breve nota cospirazionista: poiché Tim Burton possiede numerosi quadri di Margaret Keane, è probabile che Big Eyes lo abbia in realtà diretto Amy Adams.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You can add images to your comment by clicking here.