13

Nei cinema dal 4 settembre 2014

 Ciao sono kekkoz e questa settimana i pregiudizi li scrivo io per questo e quest’altro motivo.

FRANCES HA in fondo, forse, è il motivo inconscio (e NON perché mi sono organizzato male, cough cough) per cui questi pregiudizi me li sono scritti da solo: non volevo rischiare che questo gioiello finisse nelle mani sbagliate. Cioè di chiunque potesse fare gne gne gne con Frances Ha. Il film di Noah Baumbach con Greta Gerwig, sempre sia lodata, è uno dei miei film del cuore degli ultimi anni, un titolo che ho consigliato a destra e a manca per mesi e che sono persino sorpreso di vedere in sala in Italia (è in bianco e nero! presto, salvate almeno i bambini!). Lo so che il 99% di voi l’ha già visto perché siete degli sgamini, ma io sto parlando con gli altri. Ascoltatemi, altri! Non temete! Frances Ha è una commedia di una leggerezza incantevole che vi piacerà di brutto, piacerebbe anche alle quelle capre ignoranti dei vostri parenti. Portateci i vostri parenti!

UPDATE: come non detto. Annunciato da un bel pezzo, “Frances Ha” non è uscito affatto questa settimana in Italia. A quanto pare, uscirà l’11 settembre. Uffa.

COLPA DELLE STELLE è un film tratto da un libro che ha venduto a manetta e che parla di due teenager malati di cancro che si incontrano a un gruppo di supporto per teenager malati di cancro e si innamorano. Pussa via!, diranno i miei giovani amici, solo che i giovani amici in questione SBAGLIANO DURO. Ora vi racconto come ho visto questo film: in pratica ho cominciato a frignare dopo una venticinquina di minuti e ho continuato fino alla fine. Interrompendomi solo per singhiozzare come uno stronzo. In sostanza il film l’ho visto con un filtro che era il velo delle mie lagrime. Al di là di questo, Colpa delle stelle è ANCHE un bellissimo film, delicato ma terribilmente onesto per tutto quello che gira intorno a temi che bla bla bla, tutt’altro che ricattatorio, giusto con qualche forzatura che sono disposto a ignorare visto che mi sto ancora asciugando la faccia, e poi c’è Shailene Woodley che, perdio, è una benedizione. Io per Shailene Woodley mi sono persino digerito Divergent senza dire bif. Poi oh, non vi piace? Pace. Comunque c’è questa cosa che a quelli che è tutto brutto, che tanto era meglio quello prima, i cugini di quelli del partito Cagata Pazzesca, ecco a quelli io do sempre meno retta. Evviva chi si entusiasma e sa farsi trascinare per terra nella ghiaia da una storia ben raccontata.

I MERCENARI 3 mi sa che non è piaciuto nemmeno ai fan duri e puri della saga, figuriamoci a me che non ho nemmeno visto il secondo capitolo perché sono uno snob di merda che preferisce i film di Wes Anderson e quelli in cui bionde confuse straparlano a New York oppure quelli in cui teenager malati di cancro vanno ad Amsterdam a volersi bene da bestia. No, sul serio: il primo era divertente, il secondo non l’ho visto ma dice che era divertente pure lui, questo invece non è piaciuto nemmeno a mamma soja.

I NOSTRI RAGAZZI è un film di Ivano De Matteo, quello di Gli equilibristi che purtroppo non ho visto perché EHM, chi si ricorda, ma avendogli dato il pensatore ai tempi non vedo perché non rispettare la tradizione, e poi sono troppo pigro per informarmi seriamente sul film, preferisco riciclarmi. Quindi cosa? Il cast è pieno di nomi piuttosto altisonanti, loro sono gli adulti della questione, la storia è che “i nostri ragazzi” cioè i figli hanno fatto qualche danno. Non guardarmi così, quando mi pagherai per i pregiudizi sarò disposto a leggere tutte le sinossi di Coming Soon, prima vedo di arrangiarmi. E pensa che c’è stato un pomeriggio o due in cui qualcuno mi ha preso pure sul serio. “Siamo sicuri di conoscerli veramente?” recita la locandina. La domanda è retorica ma la risposta è no, perché appunto, non so una mazza di nulla.

ARANCE & MARTELLO è il primo film di Diego Bianchi o come dicevan tutti Zoro. Uno a cui vogliamo bene e volete bene, che abbiate avuto o meno il piacere di conoscerlo, a meno che non abbiate mai visto una puntata di Gazebo, e se è così peggio per voi, sfigati. “Figurati, io non ho nemmeno la televisione in casa!” e poi si scarica Scandal e lo bingeguarda sull’undici pollici pieno di ditate. Grosso errore, zio. Ce l’hai, la televisione. Torniamo al film, che è un oggetto strano che assomiglia allo stile di Zoro eppure sembra anche un film vero; la prima volta che ho visto il trailer mi sono gasato soprattutto per l’omaggio palese a Spike Lee, e ho pensato che io a Zoro do la bomba a prescindere. Voi no? Scemi.

BELLUSCONE – UNA STORIA SICILIANA è un altro film italiano con la bomba, pensa te che matto sono! Non si tratta di un film su Berlusconi (ve lo ricordate Berlusconi? Dai, quello del Caimano) bensì un film di Franco Maresco che è una specie di mockumentary in cui Tatti Sanguineti va in Sicilia a indaga su un film incompleto di Franco Maresco che in pratica è tipo Questo Stesso Film. Cervelli che esplodono! Inception ca meusa! Il film poi a quanto pare diventa l’ennesimo freak show à la Maresco e quindi diciamoci la verità, che dovevo/potevo solo dire FRANCO MARESCO e voi avreste dovuto accettare la bomba in silenzio. MUTI.

COMPORTAMENTI MOLTO… CATTIVI! è un film con tre puntini di sospensione e un punto esclamativo il cui titolo originale è Behaving badly, titolo che conterrebbe un giudizio sulla sua performance al box office, se solo… non fosse uscito on demand! La noia. Star del film, che è una commedia da quattro soldi con un cast di gente simpatica (ma non abbastanza da giustificare lo sforzo) sono Selena Gomez e un altro tizio, e adesso non è che perché Selena Gomez ha fatto Spring Breakers dobbiamo per forza prenderla sul serio come attrice, dico bene?

WALKING ON SUNSHINE è un film la cui locandina mi dà SUI NERVI, quando in realtà forse è un film perfetto per l’Italia: ci sono le canzoni degli Anni 80 da cui non ci siamo mai davvero ripigliati, c’è l’ambientazione in Italia dalla quale non ci siamo più ripigliati perché ci viviamo, e poi c’è dentro un personaggio italiano che si chiama veramente RAF. Sarebbe anche un film perfetto per me: voglio dire, è un musical inglese!, forse, in realtà non sono sicuro, quella locandina mi manda in confusione. Chi sono queste due? Lo voglio veramente sapere? Insomma, non ci sono parole per descrivere quanto poco so di questo film e quanto io stia prendendo tempo per arrivare qui, e tac.

WINX – IL MISTERO DEGLI ABISSI è il terzo film animato delle Winx. In questo episodio, le Winx sperimentano il sesso anale.

IL FUOCO DELLA VENDETTA è un film che è uscito la scorsa settimana, la locandina è scivolata fuori dalla bozza mentre avevo un gomito che faceva contatto col piede, me ne rammarico. Meglio tardi che mai! Comunque il film è diretto da Scott Copper (quello di Crazy heart che, diciamolo, non è che fosse proprio il top della vita) e ha dentro una marea di gente figa, anzi fighissima, che però potete leggervi da soli su Wikipedia. Non so, forse è bello, a me non convince, ma come diceva Lino Banfi, è una questione di pelle.

kekkoz

13 Comments

  1. PRIMO!!!!

    Da me a Cagliari non esce Frances Ha e la settimana scorsa non è uscito neanche Mud…no, dico, facciamo qualcosa.

  2. vabbè, con questi presupposti io vado a vedermi quello delle WINX…

  3. Io sono per:
    1) Frances Ha
    2) Arance & Martello
    3) Belluscone
    PS ma il sesso anale non era nel film passato? Io pensavo che in questo ci fosse la pratica dello squirting

  4. I Mercenari 3 resta un filmaccio ma è sicuramente il più onesto dei 3. Il 2 è sicuramente peggio. In ogni caso lo andrò a vedere in sala per urlare con gli amici quando esplodono cose e lanciando popcorn sullo schermo come moderne scimmie urlatrici! Pagando eh.
    Invece out of The furnace mi è piaciuto molto ma a me piace anche Crazy Heart e adesso mi riascolto la colonna sonora, che ne so, io.
    Il resto delle bombe che saranno in sala per due giorni mi mettono tristezza perché non riuscirò a vederle tutte :..(

    OT: il trailer dell’ultimo Ghibli ha il solito adattamento nuovo inascoltabile che mi mette le mani nel sangue. Perché devono rovinare tutte le cose belle?

  5. “Evviva chi si entusiasma e sa farsi trascinare per terra nella ghiaia da una storia ben raccontata.” Te stai a ‘nvecchià.

  6. “Colpa delle stelle”…sto ancora frignando, ma è bellissimo davvero, si, si. “I mercenari 3” …ho iniziato a sbadigliare a metà film e nemmeno il crash bum bum finale mi ha fatto smettere..le Winks manco la mia bacarospa di 5 anni lo vuole vedere…

  7. A me Frances Ha non è proprio piaciuto e nonostante sia della generazione giusta (appena sopra i trenta) ste commedie dove i giovani girano intorno perché confusi li trovo proprio inutili. Infatti odio anche robe tipo Girls. Però per colpa delle stelle è bello. I Mercenari invece no.

  8. Se ho ben capito, i pregiudizi di questa settimana non saranno pubblicati, affinché tu possa mantenere la primogenitura (o lo ius primae noctis) su Frances Ha?

  9. Oh cominciato a vedere colpa delle stelle…..mannaggia alla miseria quanto si piange….credo che come te lo vedrò con il filtro lacrima/bruschetta in un occhio

  10. they last eight to ten times longer than normal bulbs.
    The installation of showers without curbs – The trend for showers in 2014 is a
    continuous and seamless look. Making a positive first impression is key to getting a date or landing a
    job interview.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You can add images to your comment by clicking here.