15

Nei cinema dal 25 novembre 2011

Anche se è amore non si vede è il quarto film con protagonisti Ficarra e Picone, i due comici palermitani divenuti famoso grazie a Zelig, che ancora una volta (dopo La Matassa) scelgono di dirigersi da soli. A differenza di molti loro colleghi, Ficarra e Picone godono della stima di molti anche nelle loro peregrinazioni cinematografiche: per quanto mi riguarda, non voglio nemmeno sentirne parlare. Il massimo che potrà essere: innocuo e irrilevante. Tenetevelo.

Happy Feet 2 in 3D è il sequel di un film d’animazione uscito nel 2006, uno dei pochi ad aver vinto l’Oscar come miglior film animato spezzando lo strapotere della Pixar (era l’anno di Cars). Non a caso: il film era molto bello, un musical puccissimo con dei momenti di autentica inquietudine ecologista, e tecnicamente strabiliante. Questo seguito, nonostante George Miller sia ancora alla regia, ha le carte in regola per mandare tutto a cesso: almeno, questa è l’impressione che dà il trailer, decisamente madagascarato – e mentre scrivo questo pregiudizio non sono ancora arrivate molte recensioni. Quindi chissà! Nella versione italiana ci sono delle scelte curiose (Nathalie al posto di Pink, Linus e Savino nel ruolo dei due krill) ma vi sembro il tipo di persona che va a vedere un film animato per sentire le voci italiane dei personaggi? Spero non lo siate nemmeno voi.

Miracolo a Le Havre è il nuovo film del finlandese Aki Kaurismäki, uno dei più apprezzati registi europei, con uno stile personalissimo e inconfondibile. Ambientato nella città portuale francese di Le Havre, racconta dell’amicizia tra un anziano lustrascarpe e un giovane immigrato africano. Presentato in Concorso a Cannes, il film è stato ovviamente apprezzato dalla critica, e parliamoci chiaro: se vi piace Kaurismäki, avete già il biglietto in mano – il trailer, poi, è davvero una delizia. Se invece non sapete chi è e non conoscete il suo cinema, beh, ogni occasione è buona per cominciare.

Real Steel è un film ispirato a un racconto di Richard Matheson (e a un episodio di The Twilight Zone scritto dallo stesso autore) ma l’informazione diventa completamente accessoria vista la strada presa dal film. Che è un giocattolone chiassoso con Hugh Jackman e diretto da Shawn Levy (uno dei peggiori registi in circolazione) ambientato in un futuro in cui i robot vengono usati per gli incontri di boxe, per qualche motivo. Dimenticatevi qualunque tipo di riflessione sociale o filosofica, il tutto dovrebbe essere solo una scusante per un’edificante storia sul rapporto tra padre e figlio (non a caso il film è prodotto, tra gli altri, da Steven Spielberg) e per sentire un po’ di CLANG CLANG SBANG CLANG. In realtà alla sua uscita negli states in molti hanno deciso di adottarlo come guilty pleasure della stagione, e in effetti è talmente sciocco e rumoroso da risultare terribilmente attraente. Dipende più che altro dalle vostre priorità. Certo è che, se dovessi pensare a quale film sia esattamente l’opposto di Le Havre, probabilmente sarebbe Real Steel.

Tower Heist: colpo ad alto livello è un film con Ben Stiller ed Eddie Murphy, diretto da Brett Ratner (toh guarda, un altro dei peggiori in circolazione, anche se con Prison Break era quasi riuscito a farsi perdonare X-Men The Last Stand; tralasciamo invece tutto il discorso sul suo essere una persona demmerda) che alla sua uscita nelle sale è stato battuto – a sorpresa – dal Gatto con gli Stivali. Sul film non c’è molto da dire: è una commedia con rapina senza particolari ambizioni che dovrebbe – a sentire la critica, freddissima ma senza autentiche stroncature – mantenere più o meno quel che promette. La curiosità sarebbe rivedere Eddie Murphy in un ruolo decente e in un film meno imbarazzante del solito (anche se l’anno prossimo arriva A Thousand Words e si ricomincia da capo) ma l’idea di sentire quella risata posticcia e inventata di sana pianta da Tonino Accolla mi fa gelare il sangue nelle vene.

Nota: ho scritto questi pregiudizi circa 10 giorni fa, quindi potrebbero esserci delle variazioni o delle aggiunte. Se avete segnalazioni particolari, potete usare i commenti.

kekkoz

15 Comments

  1. Cavolo, mi sono alzato all’alba solo per arrivare secondo??? Mah!!! Che peste ti colga ;-)))

  2. Peccato che non ci sia un film che racconta dell’amicizia tra un anziano lustrascarpe e un robottone gigante… Il film di Kaurismäki è sicuramente l’unica bomba della settimana, ma a tutti piacciono i robot, specie quelli che spaccano cose!

    Però, anche un film che racconta dell’amicizia tra un anziano lustrascarpe (Ficarra) e un pinguino ballerino (Picone)…

  3. Scusa Sol… Per caso sei un anziano lustrascarpe? In quel caso potremmo fare amicizia, sono del krill doppiato da Linus e Savino.

  4. Colpo di scena, Eddie Murphy non sarà doppiato da Accolla ma da Sandro Acerbo, almeno così dice Wikipedia. Poi controllate voi che io non sono in Italia e anche se ci fossi non andrei a vedere un film del genere al cinema comunque…
    AP

  5. E in Nuova Zelanda cosa esce?
    Ma Spielberg quanto film ha diretto o prodotto in questa stagione?
    Dovrebbero uscire anche ‘Inti-illimani (dove cantano le nuvole)’ e ‘I nostri anni migliori’, due documentari sul noto gruppo andino (del 2007?) e sulle peripezie di un gruppo di tunisini in puglia.
    Almeno così sostiene cinemaitaliano.info

  6. Real Steel l’ho visto in anteprima a Lucca e devo dire che mi è piaciuto molto. Nessuna riflessione naturalmente, però hai dimenticato di dire una cosa “Rocky coi robottoni” 😉

  7. Mi è capitato di vedere un paio di film (magari ne avranno fatti solo due) dei pinguini Ficarra e Picone (tivvù, no cinema, né noleggio e nemmanco scaricati) e sinceramente ne sono rimasto sorpreso. Forse perché le mie aspettative erano talmente basse che qualunque cosa al di sopra della merda fusa su tortino di feci poteva andare bene, però proprio il tentativo di non fare uno sketch di Zelig lungo due ore lo trovai apprezzabile (premessa, di Zelig avrò visto tre puntate dieci anni fa, forse, e so’ state pure troppe, ma non credo che sia cambiato il canovaccio). Mi piacque più “Il 7 e l’8” (non gugolo perché non c’ho voglia, ma il titolo mi pare fosse questo), il successivo “La matassa” un po’ meno (non che fosse ignobile), forse proprio perché dopo il primo le quasi nulle aspettative si erano un filino alzate, però non mi pento assolutamente di averli visti.

  8. Quoto Alessia ed astarte: c’è un po’ troppo pregiudizio (ed in queste pagine, vorrei anche vedere!) sul duo PALEMMITANO!
    Diamogli una possibilità…

  9. Il duo palermitano è apparso anche nel mio specchio per promuovere il loro film.
    No possibility for me.

  10. Su Tower Heist hai ragione da vendere, ma da quando ho visto il trailer giorni fa mi è venuta voglia di vederlo. Magari sarà una bufala, ma mi sembra che abbia le potenzialità per essere una commedia action di quelle che una volta funzionavano bene. Magari eddy murphy risorge…

  11. miracolo a le havre è uno dei migliori film che ho visto quest’anno. ci vorrebbe il fermo immagine per gustarsi meglio certe scene, un incrocio tra un quadro fiammingo e la tavola di un fumetto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You can add images to your comment by clicking here.